Blog

piatto di riso

5 Cereali senza glutine perfetti per sostituire la pasta a pranzo

Chi è celiaco non può consumare alcuni cereali. La celiachia, infatti, è una malattia autoimmune innescata dal glutine.

Il glutine è una proteina contenuta soprattutto nel grano (o frumento) e simili, che provoca una reazione esasperata da parte del sistema immunitario, che attacca il tessuto sano delle pareti dell’intestino, danneggiando i villi.

Una dieta priva di glutine è quindi imperativa per chi ha la celiachia, ma non c’è da preoccuparsi! Di cereali e pseudo cereali alternativi ce ne sono tanti e altrettanto buoni.

Quali sono i cereali e pseudocereali senza glutine

  1. Quinoa: in realtà non è un cereale, ma uno pseudocereale. Appartiene, infatti, alla famiglia degli spinaci! Oggi viene considerata un super food, ma in America Latina viene coltivata da oltre 5mila anni. È una vera miniera di amminoacidi essenziali, ma anche di ferro, magnesio, fosforo e potassio. Ha un ottimo potere saziante ed è facile da digerire. In commercio puoi trovare 3 varianti (rossa, bianca e nera), ma quella bianca, oltre a essere più diffusa, ha un gusto più neutro e meno erabaceo.
  2. Mais: dopo il grano e il riso è il cereale più coltivato al mondo. È ricchissimo di fibre e vitamine del gruppo B, oltre a essere una buona fonte di betacarotene.
  3. Grano saraceno: anche questo, come la quinoa, è uno pseudocereale. È ricco di zinco, selenio e ferro.
  4. Riso: tra i cereali senza glutine è forse il più amato di sempre. Essendo amidaceo si comporta come il glutine, ma senza causare i suoi problemi. È una buona fonte di Sali minerali e vitamine del gruppo B.
  5. Amaranto: anche questo è uno pseudocereale ed è originario dell’America centrale (Messico). È ricchissimo di calcio, fosforo, magnesio, ferro e lisina, un amminoacido essenziale di cui sono carenti quasi tutti i cereali!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X